Focus on

ViannaVi

Vi presentiamo Viviana Levrino aka ViannaVi.

Parlaci un po’ di te.
Sono un onironauta.
Mi piace definire il mio mondo con alcune parole di un amico: “Ogni foto ha un filo conduttore dove tutto è sospeso in aria e fluttua; c’è questo mondo parallelo con un po’ di nebbia che ha come porta d’ingresso un rettangolo/quadrato dove puoi inserirci la testa e con curiosità dare un occhiata a destra e a sinistra, però quando rificchi la testa fuori non puoi fare a meno di ricordare gli odori e la brina che intanto si è formata sulla tua pelle in quell’attimo”.

Perché hai scelto la fotografia analogica?
È il mio mezzo espressivo migliore, mi permette molte possibilità creative; con essa riesco a trasmettere al meglio ciò che sento, seguendo il flusso della mia fantasia, sia in fase di scatto, con la scelta di diversi tipi di rullini a seconda dell’effetto voluto (meglio se sono expired!), sia in fase di sviluppo (amo l’xpro!).

Inoltre mi permette collaborazioni con altri fotografi, grazie al film swap.

Cosa ti piace fotografare?
Cerco di andare oltre la realtà sensibile, esplorando la natura e i dettagli intimisti, svelando nuove dimensioni parallele, oniriche e nascoste, mondi spirituali, visioni magiche e remote, oppure solo dimenticate, con sensibilità e spirito empatico.

Quali sono le tue macchine fotografiche?
Per ora Holga, diana f+ pinhole, varie polaroid (type 600, sx-70 e 100), yashica fx3, bencini koroll II, ovviamente tutte analogiche e decisamente vintage!

La fotografia che ti piacerebbe fare.
Una serie di foto con la mia nuova polaroid tipo 100.

Hai un fotografo preferito?
Seguo molti fotografi che sono per me sempre fonte di ispirazione. Iniziamo l’elencone ;)
Aëla Labbé, le polaroid di ludwigwest, i pinhole di this fleeting life, il minimalismo estestico di aladerivahui, l’italianissimo e bravissimo Luca Bortolato, il caposaldo dei miei contatti tumblr Paul Garcia, l’amico Matteo Varsi e molti altri…

Una bella foto deve…
… portare oltre.

Sito web: viannavi
Email: wiwiana@hotmail.it
 

Alessandro Pancosta

Ho superato già da qualche anno i 30 anni, sono un freelance graphic designer. Dopo 9 anni passati a Torino sono tornato a vivere in Puglia, in provincia di Brindisi, nel mio amato Salento. Mi sono avvicinato alla fotografia circa 6 anni fa, ma da 3 anni scatto prevalentemente in analogico.

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Comments (6)