Fotografando

Parigi

Quando la mia ragazza è riuscita a convincermi a prenotare un biglietto per Parigi, non ho avuto dubbi sul da farsi: la città andava filtrata attraverso un occhio analogico e assolutamente in bianco e nero. La scelta è così caduta sull’ineguagliabile Ilford FP4 e sull’ultima arrivata, una Nikon EM tanto semplice quanto rapida. Fatta scorta di rullini non rimaneva che partire.

Montmartre, la mattina, si lascia scoprire dolcemente mentre tutto viene sistemato per prepararsi ad un nuovo attacco di turisti.
L’amore per le stazioni e la passione per Amelie Pauline obbligano un passaggio per la Gare de l’Est prima di riprendere la metropolitana e ritrovarci, volenti o nolenti, alla Pyramide du Louvre, presenza costante dei nostri continui attraversamenti della città; a pochi minuti da lì il Ponts des Arts.

Una foto alla Tour Eiffel dal Trocadero ancora vuoto, in una mattinata grigia e piovosa, e ad uno degli orologi del Musee d’Orsay completano la 5 giorni di una Parigi che non ti saresti mai aspettato.

Articolo di Benedetto Conte
http://contebenedetto.jimdo.com/
https://www.flickr.com/photos/benno89/
http://instagram.com/benno8911

Alessandro Pancosta

Ho superato già da qualche anno i 30 anni, sono un freelance graphic designer. Dopo 9 anni passati a Torino sono tornato a vivere in Puglia, in provincia di Brindisi, nel mio amato Salento. Mi sono avvicinato alla fotografia circa 6 anni fa, ma da 3 anni scatto prevalentemente in analogico.

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.