Cities in (film’s) dust

Cities in (Film’s) Dust. #8 Milano

Oggi torniamo a Milano, per vederla sotto un differente punto di vista. La Milano di oggi è nera, nebulosa, sa di fumo e smog. La gente è un’apparizione alienante, sfuggente e relativa, quasi spersonalizzata dalla vita che scorre veloce e anonima nella metro, ogni giorno.
La Milano di oggi è quella sotterranea, dei treni in corsa e della gente che attende, vista attraverso le fotografie e il testo di Riccardo Ceccato.

Le foto sono state scattate con una Nikon F100 e un 35mm F2 e con una Leica CL e un Summicron-C 40mm F2.

“L’anno scorso ho vissuto circa 6 mesi a Milano. Lo dico subito, non mi è piaciuta. Troppo piatta. Sopratutto a livello fotografico, non ha saputo darmi gli stimoli giusti. Ma fortunatamente Milano non è solo città; c’è anche il sottosuolo, la metro. Ecco quella si mi è piaciuta. Ho sicuramente passato molto più tempo sottoterra che in superficie in quei mesi. La metropolitana è un luogo strano, già a partire dal fatto che non è un luogo nel senso vero del termine, ma un collegamento tra due punti, un “non-luogo”. La gente passa veloce, è distratta, non osserva le persone e le cose che la circondano, le dà per scontate. In qualche modo ho intravisto un collegamento tra la superficie e il sottosuolo: una massa di persone che si muove vicina, ma allo stesso tempo distante. Queste foto vogliono dunque indagare il senso di alienazione e isolamento provato nell’esperienza sotterranea.
Questa è stata per me Milano.

Ecco a voi Milano.”

Per conoscere meglio Riccardo Ceccato:
flickr/riccardoceccato

Maria Palmieri

Mi aggiro intorno ai 30 e sto ancora cercando di capire chi sono, cosa sono e cosa fare nella vita. L’unica certezza che ho è l’amore per la fotografia analogica. Nelle mie vene scorre emulsione liquida. Per farmi felice basta poco: una vecchia macchina fotografica e un rullino, magari scaduto…

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.